Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Tribe Blog

Thailandia – prima parte di un viaggio in sud est asiatico zaino in spalla con bambini


Qualche informazione pratica:

Voli: Turkish Airlines Genova Istanbul e ritorno, con stop over di un giorno a Istanbul all'andata. Volo interno in Thailandia Bkk Chang Rai con Air Asia.

Hotel: tutti prenotati dall'Italia su Booking.com scegliendo i meglio recensiti e con la piscina per le pause relax... Ci siamo trovati molto bene in tutti!

Auto per girare il nord della Thailandia: prenotata con Thai Rent a car, su internet, con gps e seggiolino per Aurora. L'abbiamo ritirata all'aeroporto di Chiang Rai e lasciata all'aeroporto di Bkk al ritorno.

Escursioni: le due escursioni a Bkk prenotate con agenzia locale trovata attraverso trip advisor, si chiama Chob, sito www.thaitourguide.com. Assolutamente consigliati!

Bagaglio: due zaini (non tanto pieni) e il lettino di Aurora da imbarcare, zainetto, borsa e passeggìno di Aurora come bagagli a mano. Abbiamo portato vestiti leggeri e più freschi possibile, pantaloni lunghi per le visite ai templi, medicine (rimando all'articolo Farmaci da viaggio), foulard e felpe per l'aria condizionata, anti zanzare, trousse da bagno, e poco altro... Immancabili macchina fotografica e iPad con cartoni animati per i momenti duri! Anche qui rimando all'articolo AppS per bimbi che ci piacciono!

Cibo: abbiamo sempre trovato di tutto, anche cibo internazionale, per dar da mangiare anche ad Aurora. Gli spaghetti sono molto diffusi, il riso ovviamente, la frutta che è tutta buonissima... Negli innumerevoli 7eleven compravamo succhi, latte, snacks di vario genere. Lungo le strade vi sono aree di servizio provviste di qualunque cosa.

Clima: ci siamo trovati bene nonostante fossimo nella stagione delle piogge... Le temperature erano accettabili, a Bkk più caldo mentre nel resto del paese si stava abbastanza bene, e ha piovuto ma non tanto da impedirci delle escursioni o dei giri. Abbiamo usato l'ombrello qualche volta, ma normalmente il tempo cambia velocemente e bastava fare una pausa al coperto. Un paio di gg quando siamo stati nei parchi a nord abbiamo usato le felpe perché frescolino anche durante il giorno.

E ora il diario di viaggio vero e proprio: 

 

Bangkok: alloggiavamo al Riva Surya hotel, per le 4 notti trascorse a Bangkok a inizio viaggio. Hotel con piscina, sulla riva del fiume (ci siamo spesso mossi in battello infatti), e vicino a Khao San Road dove andavamo sempre a mangiare la sera...
A Bangkok abbiamo alternato le visite in città ad escursioni fuori e organizzate. Il primo giorno siamo andati a vedere il Palazzo reale, il tempio del Buddha di smeraldo, il wat pho e il wat arun. C'è' rimasto anche del tempo prima di cena che dedichiamo al relax in piscina.
Il secondo giorno andiamo con la guida a visitare i mercati ferroviari e galleggianti... Arriviamo verso le 9 al mercato ferroviario, ossia un mercato culinario fatto letteralmente sui binari del treno. Faccio un sacco di foto, compriamo dolcetti e frutta varia da mangiare per via, e aspettiamo il passaggio del treno, che verso le 10 passa in mezzo al mercato; i venditori vengono avvisati da un fischio e in un minuto sollevano le tende e ritirano la merce al sicuro, mentre il treno passa a pochi cm dai corpi di tutti noi! Lo spettacolo e' veramente originale... Proseguiamo per Damnoen Saduak, il mercato galleggiante; molto turistico a differenza di quello precedente che era chiaramente per thailandesi, questo e' pieno di bancarelle che vendono vestitini e altra roba ai turisti. Noi ci limitiamo a fare le foto del pitone con aurora... E poi facciamo un giretto sulla barca di legno a remi in mezzo al mercato e alle case, costruite come palafitte sull'acqua. Il giro e' molto bello, ci piace parecchio...
Mangiamo del riso e mango, buono, e poi sulla via del ritorno ci fermiamo ancora ad un tempio piuttosto antico e ormai ricoperto dagli alberi, con dentro un grande Buddha dorato, e un monaco che spaventa la nana con il suo vocione e soprattutto quando ci spruzza d'acqua come porta fortuna! Di fronte, andiamo a dare da mangiare agli animali, ci sono capretti, daini, galline e un grande dromedario... Infine non mancano i pesci, che di nuovo ingozziamo a volontà mentre guardiamo anche da qui il paesaggio fluviale.
Il giorno seguente camminiamo dal ns hotel al Golden Mount, una collina artificiale con tempio in cima, da cui si vede tutta Bangkok dall'alto. Merita una visita ed è pure abbastanza rinfrescante, in mezzo al verde e alle cascatelle... Prendiamo poi il nostro primo tuk tuk del viaggio, per tornare in albergo a pranzare e a fare il riposino, oggi infatti vogliamo poi andare a Chinatown e al mercato dei fiori, meglio visitabili verso sera.
Ultimo giorno nella capitale andiamo verso Ayutthaya... Primo stop al Bang in palace, un eclettico palazzo fatto costruire da Rama V, in un coacervo di stili diversi... Dal ponte romano al padiglione cinese, passando per un palazzo in stile Versailles con tanto di fontane! Il tutto ci lascia perplessi, ma facciamo una bella passeggiata nei giardini del parco... Con noi un sacco di ragazzini in gita! Arriviamo ad Ayutthaya e per prima cosa visitiamo un tempio moderno con un enorme Buddha dorato (wihan mongkhon bophit), poi entriamo nel parco storico e camminiamo tra le rovine, gli stupa e le statue del Buddha (wat phra si sanphet). Veramente bello! La guida compra dei dolci buonissimi, zucchero filato in mezzo a crêpes, gnam! Li mangiamo insieme all'immancabile cocco fresco che e' sempre una delizia da bere... Andiamo a pranzo su una palafitta sul fiume, poi facciamo un giro su una long boat di legno, vedendo altri templi e rovine dal fiume, molto suggestivo! Dopo visitiamo altri due templi del parco, uno famoso per la testa del Buddha nell'albero, presente in innumerevoli foto (wat phra mahathat), e l'altro per il prang ossia la costruzione alta a forma ovale, che scaliamo... Pier scende anche nella cripta dove una volta veniva tenuto l'oro e adesso vi sono ancora dipinti murali (wat ratburana).
La gita e' finita e adesso le guide ci accompagnano all'aeroporto Don Mueang dove prendiamo il volo Air Asia per Chiang Rai.

Chang Rai: stiamo tre notti presso la Homestay Chiang Rai, davvero bella, immersa nel verde e con una bella piscina, camere spaziose e belle, la consigliamo senz'altro!
Un giorno abbiamo esplorato il villaggio delle donne giraffa (si trova sulla strada verso Mae Sai ed e' indicato, dopo il pinapple village), e gli elefanti vicino alla homestay, dove ovviamente non ci siamo fatti mancare la gita in groppa all'elefante, che pur essendo anche questa molto turistica, e' piaciuta a tutti, abbiamo attraversato bei paesaggi e ci siamo divertiti! La sera siamo andati al night market a Chiang Rai, dove abbiamo cenato nella piazzetta ascoltando un gruppo locale, e visto un po' di bancarelle...
Il giorno successivo siamo andati in auto verso nord per il giro al triangolo d'oro, prima tappa al tempio delle scimmie vicino a mae sai, al confine birmano (anche questo indicatoci dalla nostra homestay). Il tempio valeva una sosta anche solo per vedere le scimmiette, i pesci e i coccodrilli, ci siamo divertiti. Uno stop veloce al confine birmano giusto per una foto, e proseguiamo verso Sop Ruak, il punto dove convergono i tre stati di thai, Laos e burma. Breve sosta per rifocillarci in un super resort di lusso, Anantara, dove pranziamo vista valle (bellissimo, e mangiamo pure bene), poi andiamo a visitare la Hall of Opium, un museo molto interessante secondo noi... Ci fermiamo poi velocemente sulle rive del Mekong, e infine andiamo a Chang Saen, in particolare pochi km più a sud in un tempio che sale in alto e da cui si può ammirare un bellissimo panorama su tutta la valle e il fiume... (Wat phra that pha ngao).
La sera di nuovo in città per il saturday night market, praticamente  una strada infinita dove ci sono bancarelle di ogni genere, cibarie vestiti giochi etc... Molto per locali e infatti a differenza del bazar di ieri sera non vediamo turisti! Mangiamo varie cose alle bancarelle, salato e dolce, e finiamo con il solito cocco buonissimo!!
Il giorno seguente arriviamo a Chiang Mai, decidiamo di fare un bel giro lungo passando da Mae Salong e per le montagne. Come prima tappa però, andiamo a vedere il famoso tempio bianco di Chiang Rai (wat rong khun), una pacchianata incredibile che però ha un certo fascino da castello delle principesse... Dopo torniamo verso nord e facciamo la bellissima strada panoramica verso Mae Salong, la cittadina cinese sui monti. Il viaggio in auto vale la deviazione, siamo in mezzo alle foreste ed è veramente bellissimo... Arriviamo e andiamo al tempio in cima alla cittadina per ammirare il panorama dall'alto (wat santikhiri), e dopo mangiamo qualcosa alla "villa", dei noodles buonissimi... Mi fermo ancora a comprare del te in un negozietto cinese, e poi mentre la nana dorme scendiamo verso sud.
Ci fermiamo per una sosta a Chiang Dao, con il proposito di visitare le grotte, ma arriviamo tardi e il complesso e' deserto.

Chiang Mai: stiamo tre notti al VC Suan Paak, molto bello con piscina.
Una mattina e' dedicata alla visita al Tiger Kingdom, un centro a pochi km a nord della citta, dove si possono vedere le tigri dalle neonate alle più grandi, e si può entrare dentro le gabbie con loro, accarezzarle, fare foto etc. Con Aurora possiamo andare solo in quelle di taglia piccola, che forti! Sembrano peluche... Poi io e Pier separatamente entriamo nei recinti dove sono le tigri grandi, sono molto mansuete e addirittura ci si sdraia con loro per la foto di rito. Mangiamo li qualcosa al ristorante a buffet, poi torniamo in città e facciamo un bell'itinerario di tutti i templi principali, sia dentro che fuori le mura (vedi itinerario della guida del national geographic) che sono davvero bellissimi! Finiamo poi verso sera al mercato... Bella giornata intensa! Chiang Mai vale davvero la pena, ma è piuttosto estesa per cui camminiamo tanto con Aurora nel passeggino... La sera mangiamo in uno dei ristoranti dell'albergo, anche questo molto buono.
Il giorno seguente andiamo al parco nazionale Doi Suthep Pui, vicino a Chiang Mai, dove vi sono varie attrazioni nel raggio di pochi km. Prima ci fermiamo alle cascate, immerse in una lussureggiante foresta, poi andiamo al tempio principale (wat phra that Doi Suthep) dove saliamo con il tram a cremagliera, e visitiamo tutto il complesso, molto bello, da cui si vede anche una bella vista dall'alto su Chiang Mai.
Infine proseguendo arriviamo al villaggio Hmong, anche questo immerso nella foresta, e anche se all'inizio e' pieno di bancarelle per turisti, salendo si vedono le loro case e una bella vista sulla valle, vale davvero la pena, molto più del villaggio delle long neck women che era un po' una trappola per turisti! Compriamo un bellissimo vestito tradizionale Hmong per Aurora e dei cuscini per noi.
Il giorno successivo andiamo verso Lampang. A una ventina di km prima di Lampang ci fermiamo al Thai Elephant Conservation Center per una visita più approfondita a questi bellissimi animali... Il centro e' molto bello, ci sono solo pochi visitatori, e gli animali hanno tantissimo spazio in cui vivere, pieno di laghi, fiumi e foreste. C'è anche un ospedale per elefanti e una nursery. Noi facciamo una gita sul dorso dell'elefante di una mezz'ora, in cui andiamo anche dentro il lago, e poi assistiamo allo spettacolo, in cui gli elefanti danno dimostrazioni di vario tipo, dal giocare con i tronchi a dipingere su una lavagna.


 

Lampang: stiamo solo una notte presso  Infine andiamo a Lampang la Riverside Guest House che è veramente carina, e ha una bella terrazza sul fiume.
Verso le sei andiamo a passeggiare per Lampang, andiamo al mercato serale dove vendono un po' di tutti i vari cibi, assaggiamo un po' di cose tipiche thai in un mercato decisamente per locali (neanche un occidentale incontrato qui), e ci fermiamo lungo il fiume.
Il giorno seguente andiamo al complesso di templi fuori città, il wat phra that Lampang luang, veramente bellissimo. Ci colpiscono molto le strutture in legno con i dipinti antichi, e vari piccoli templi intorno.

Sukhotai: stiamo due notti presso la Orchid Hibiscus, molto carina e gestita da un italiano, e ci rilassiamo in piscina. La prima sera facciamo un giretto al mercato serale, e al nostro primo tempio di Sukhotai, il wat trapang thong, ascoltiamo i monaci pregare e poi andiamo a cena al Coffe Cup dall'altra parte della strada. Il giorno successivo e' tutto dedicato alla visita di Sukhotai... Noleggiamo le bici vicino all'ingresso al parco storico, una con il seggiolino per Aurora, ed entriamo nel parco (che in effetti essendo così grande va girato con un mezzo di trasporto). Vediamo tutti i templi dentro l'area principale, bellissimi, e il parco e' tenuto veramente bene, in bici si gira benissimo... Ci divertiamo un sacco e anche ad Aurora fa piacere non usare la macchina per un giorno! Dopo aver mangiato qualcosa, facciamo un giretto (consigliato dal proprietario della guest house) per i templi in mezzo alle risaie, sempre in bicicletta. Sono templi che rimangono nella zona meridionale del sito, fuori le mura. Sono molto affascinanti, siamo soli qui e il giro e' molto carino. Torniamo un po' in piscina a rilassarci e poi a metà pomeriggio riprendiamo le bici per l'ultimo giretto, questa volta nella zona nord del sito, a vedere i templi soprattutto il wat si chum con il suo grande Buddha bianco. La luce e' bellissima a quest'ora e concludiamo degnamente la giornata!

Ci trasferiamo poi a Bangkok dove riconsegniamo la macchina e prendiamo il volo per Siem Reap… vedere il diario di viaggio Cambogia!

La Thailandia ci ha lasciato tanti bei ricordi e immagini di posti fantastici e persone cordiali e disponibili, questo viaggio rimarrà dentro i nostri cuori!

Raccontato dalla nostra amica Tribe Tripper Simona Brassesco, mamma di Aurora e Alessandro